Tocofobia, il 15% delle donne ne soffre e non lo sa: ecco cosa è


Generalmente la gravidanza è un evento molto atteso dalla donna. Non appena la prima cellula incomincia a farsi strada nel suo corpo, l’intero universo emotivo incomincia a smuoversi facendo emergere emozioni e pensieri mai sperimentati prima. Non per tutte le donne però, quest’esperienza ha una connotazione positiva.

Alcune di loro possono scegliere deliberatamente di non procreare; altre possono desiderare tanto un figlio ma ritrovarsi sorprendentemente smarrite quando realizzano di essere incinte. Diventare madri richiede l’apprendimento di nuove competenze e l’aumento di responsabilità. Rappresenta una delle fasi di transizione più significative della vita adulta. (Continua a leggere dopo la foto)








Durante il primo trimestre si presentano spesso molti sintomi fisici (nausea, stanchezza, dolori) ed i pensieri si concentrano principalmente su se stessi. Difficile che prende il sopravvento la paura del parto (detta anche tocofobia). Nel secondo trimestre inizia ad emergere la consapevolezza dei movimenti del bambino e delle emozioni derivanti dalla realizzazione del feto come individuo indipendente. (Continua a leggere dopo la foto)






La donna inizia ad assaporare il concetto di maternità e si adatta alle concezioni interiorizzate della genitorialità. L’ansia viene vissuta spesso a livello inconsapevole nel primo trimestre. Poi viene sostituita da preoccupazioni più specifiche sul bambino e sulla preparazione pratica delle cose che serviranno dopo la nascita. Questa fase è solitamente piena di energia positiva. L’ultimo trimestre della gravidanza è un momento di preparazione al parto in cui si riduce l’interesse per le situazioni circostanti. Vi è una maggiore concentrazione sulla nascita. (Continua a leggere dopo la foto)



 

Nascono così anche le ansie e paure per il parto stesso. Con il parto, la donna si prepara ad “allentare” la relazione simbiotica formata in gravidanza con il feto e a dare al proprio partner lo spazio per creare il rapporto con il bambino. La paura del parto o tocofobia provoca ansia intensa, sofferenza o terrore che si sviluppa durante la gravidanza ed è caratterizzato da “evitamento” del parto. Secondo degli studi dal 5% al 16% delle donne in gravidanza soffrono di questo specifico stato fobico.

“Dieta del sole”, via 2 chili in 7 giorni senza fare la minima fatica

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it