Il tuo clitoride sta bene? Se avverti “questa” cosa, no. Corri dal ginecologo


Il clitoride è una zona molto sensibile dell’organo genitale femminile. Ha circa 8.000 terminazioni nervose e, dal punto di vista anatomico, può essere paragonato al pene. Come ogni parte del corpo, anche il clitoride può subire traumi, infiammazioni e altri disturbi, come micro-fessurazioni, allergie, micosi, herpes. Come riconoscere ognuno di questi problemi? Cosa fare? Lo ha spiegato a Doctissimo la dottoressa Marie-Claude Bénattar. Vediamo cosa fare, per esempio, in caso di micro-fessurazioni del clitoride. Intanto capiamo come questo possa accadere: può bastare un’unghiata o una carezza troppo intensa a ferire il clitoride. Ma la causa più frequente resta la depilazione totale dell’inguine. “Purtroppo sono sempre di più le ragazze che si depilano totalmente o quasi la zona genitale”, spiega la Bénattar. E lo fanno da sole. In questo modo, purtroppo, molto spesso, vanno incontro a ferite. Cosa fare? “In primo luogo vanno evitati i lavaggi troppo frequenti e aggressivi”, raccomanda la ginecologa. Poi si può applicare una crema cicatrizzante o un antisettico. Continua a leggere dopo la foto







Il clitoride può anche avere problemi di micosi, problemi che si estendono dalle piccole e grandi labbra. Come si riconosce una micosi? Dal prurito. Cosa fare? L’esperta consiglia di evitare trattamenti troppo aggressivi quali le creme antimicotiche che possono essere molto irritanti. Meglio una pomata idratante che, nel giro di 48 ore, farà sparire il fastidio. Se esso persiste, è bene consultare il medico. Hai il clitoride irritato e spesso avverti un forte prurito? Le cause possono essere varie. Continua a leggere dopo la foto




“A cominciare dai pantaloni troppo stretti, i perizomi o i tanga”, spiega la dottoressa. Non solo: anche saponi troppo aggressivi, sex-toy per il clitoride, gel con effetto riscaldante, che promettono sensazioni più intense ma che possono causare irritazioni. Come suggerisce la dottoressa, una volta individuata la causa, è bene eliminarla. Di conseguenza, sparirà anche il problema. Ma la prevenzione è ancor più importante: evitate saponi aggressivi e, se possibile, prediligete biancheria in cotone a quella sintetica. Continua a leggere dopo la foto


 


Una delle cause delle irritazioni del clitoride è l’applicazione di piercing sulle labbra, nella parte alta della zona vulvare, vicino al clitoride. “Si tratta di un’operazione a rischio”, avverte la Dottoressa Bénattar. Il motivo? L’anello è in metallo e l’inserimento non è sempre fatto in condizioni ottimali. Quindi, se proprio volete un piercing là dove non batte il sole, sappiate che i rischi a esso connessi sono molti. In linea generale, in caso di infiammazione è necessario applicare una crema lenitiva, facendo attenzione a quelle che contengono corticosteroidi.
Le mutandine si sporcano di “bianco”? La tua vagina ha un problema importante

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it