Vagina pulita e profumata, come fare in casa una lavanda vaginale naturale


Vuoi pulire a fondo la tua vagina ma vorresti usare qualcosa di naturale? La lavanda vaginale è una buona idea: essa pulisce la vagina nelle sue cavità eliminando ogni forma di impurità. Molte donne scelgono di sottoporsi alle lavande intime per eliminare ogni traccia di residui del ciclo mestruale, per ridurre gli odori e per evitare le infezioni batteriche. Alcune, inoltre, tendono a farlo dopo un rapporto sessuale per eliminare i “residui biologici” del partner. Una lavanda naturale è l’ideale in caso di cistiti, vaginiti e candida.

Si tratta di tutte infezioni che determinano la comparsa di sintomi fastidiosi e imbarazzanti. Prurito, dolore durante la minzione o un rapporto sessuale e cattivo odore sono i disagi più odiati dalle donne. Ebbene, con le lavande vaginali si risolvono anche problemi di questo tipo. Come scegliere la lavanda? In commercio ne esistono di tanti tipi. Ma delle buona lavande possono essere fatte anche a casa utilizzando piante e erbe. Continua a leggere dopo la foto








Vuoi scoprire come si fa? Eccoti accontentata. Tra le sostanze naturali più frequentemente utilizzate, specialmente in caso di infezioni vaginali, c’è il bicarbonato di sodio. Per eseguire correttamente questa lavanda bisogna far bollire mezzo litro d’acqua e poi farlo raffreddare. A questo punto si versa il bicarbonato e si lascia riposare tutta la notte. La mattina seguente la lavanda sarà pronta per essere utilizzata. Perché fa bene? Il bicarbonato aiuta a ripristinare il pH della zona vaginale. Ma non esagerate con la frequenza perché può portare alla secchezza. Continua a leggere dopo la foto






Ma, per realizzare in casa delle lavande vaginali, può essere utilizzato anche l’aceto.
Specie dopo un’infezione dato che l’aceto ha potenti proprietà antibatteriche. Come si fa? Riempi la pompetta con dell’acqua tiepida e aggiungi qualche goccia di aceto.  Altro ingrediente per questo tipo di lavande è il tea tree oil. Per prepararlo bisogna fare bollire l’acqua e lasciarla raffreddare. A questo punto si versano tre gocce di olio essenziale. Il beneficio di questo specifico trattamento è legato alle proprietà antifungine e antibatteriche della pianta.  Continua a leggere dopo la foto



 

Lo stesso olio può essere utilizzato per i lavaggi esterni.La camomilla può essere usata esattamente nello stesso modo. Anche la calendula e la propoli si prestano alla preparazione di lavande vaginali fatte in casa. Per preparare lavande con questi due ingredienti è necessario lasciare bollire le due piante e creare un infuso. Prima dell’uso si aggiunge del sale integrale e si procede al lavaggio.

Masturbazione, le donne si toccano davvero? Ecco quante lo fanno

 

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it