Muore a 14 anni nella vasca: i genitori la ritrovano con la testa sotto l’acqua


Una studentessa russa è morta mentre faceva il bagno. La ragazza è rimasta folgorata per via del cellulare: il telefono era accanto a lei, in carica, quando le è scivolato dalle mani. La ragazza ha preso una enorme scossa ed è caduta in acqua. Yulia Vysotskaya, 14 anni, è morta così, per colpa del cellulare. A 14 anni, nella sua casa a Cheboksary.
I genitori della ragazza, ovviamente, sono devastati per quanto accaduto: quando si sono accorti che la ragazza era annegata nella vasca da bagno hanno subito chiamato i soccorsi.

Ma i paramedici, giunti nella casa della ragazza, non hanno potuto fare altro se non constatarne il decesso e portare la ragazza all’obitorio. Questo è il terzo caso di morte per la stessa causa nel paese. Nonostante gli ammonimenti degli esperti riguardo l’uso di smartphone nella vasca bagno, le persone non si rendono realmente conto del pericolo che corrono e continuano a usare i telefoni quando fanno il bagno. Continua a leggere dopo la foto








A dicembre dello scorso anno, per esempio, la campionessa russa di arti marziali Irina Rybnikova, di 15 anni, è morta esattamente allo stesso modo. La ragazza stava facendo un bagno e aveva messo in carica il suo telefono. A un certo punto ha preso il telefono ed è rimasta folgorata all’istante. È successo a Bratsk, in Siberia. La ragazza era una promessa dello sport: praticava un’arte marziale che è un mix tra pugilato e lotta. Continua a leggere dopo la foto






Ma è successo anche un’altra volta: all’inizio del 2018 Kseniya P, di 12 anni, è rimasta fulminata mentre ascoltava la musica dal suo telefono mentre era nella vasca da bagno. È successo nel villaggio di Bolshoe Gryzlovo nel distretto di Serpukhovsky nella regione di Mosca. Sua madre stava cucinando ma, dopo un po’, non sentendo più alcun rumore dal bagno, si è preoccupata ed è andata a vedere cosa stesse succedendo. Ha trovato di fornte a sé uno spettacolo raccapricciante… Continua a leggere dopo la foto



 

Ha visto sua figlia morta con la testa sott’acqua. E il suo cellulare galleggiava nella vasca. Usare il cellulare quando si fa il bagno è una cosa sbagliatissima. L’ingegnere elettronico Andrey Stanovsky ha addirittura detto che “rilassarsi in un bagno con il cellulare collegato è come giocare alla roulette russa”. Dopo la morte di Irina, Yury Agrafonov, il capo del dipartimento di radio-elettronica della Irkutsk State University, ha detto: “Se il telefono non fosse stato tenuto in carica, la tragedia non sarebbe avvenuta”.

La piccola Sara è morta. Non ce l’ha fatta la bimba di 15 mesi ferita in un incidente con la mamma

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it