Orrore verruche, ecco i metodi più efficaci che le eliminano davvero


Le verruche sono un problema molto comune: si tratta di piccole escrescenze cutanee caratterizzate da notevole ispessimento dello strato corneo e da sfumature giallo-grigiastre. In genere le verruche sono causate da un’infezione virale provocate da alcuni ceppi dell’HPV, il virus del Papilloma umano. Di solito compaiono su mani, piedi, genitali ma possono comparire anche sul viso.

Essendo un problema piuttosto comune, il dottor Martin Scurr, dermatologo, ha deciso di rispondere alla domanda di una persona che da tempo combatte contro le verruche.
Il paziente ha scritto al dermatologo: “La mia prima verruca è apparsa 18 anni fa, poi, dopo quella, ne sono comparse altre. Ora il mio tallone è interamente coperto di verruche. I farmaci da banco non hanno funzionato e nemmeno il trattamento con onde sonore. Mi libererò mai di loro?”. Il fatto che i trattamenti da banco non funzionino è frequente. Ecco perché è bene che tutti leggano quel che ha risposto il dermatologo. Continua a leggere dopo la foto








“La tua storia non è inusuale – ha risposto al paziente il dottor Scurr sul Daily Mail – I piedi, spesso caldi e umidi, forniscono le condizioni ottimali per la crescita dell’HPV, il virus che, oltre a far attecchire le verruche, le fa anche moltiplicare”. Spesso alle verruche viene data poca importanza perché i medici le considerano esclusivamente un problema estetico. Secondo il dottor Scurr, però, alcuni trattamenti funzionano più di altri. Per l’acido salicilico e la crioterapia (che distruggono il tessuto della verruca); l’immunoterapia, che innesca una risposta immunitaria distruttiva; e farmaci che influenzano la proliferazione cellulare (i cosiddetti farmaci citotossici). Continua a leggere dopo la foto






L’acido salicilico, che può essere prescritto da un medico di base, va messo sulla verruca quotidianamente. Se il composto viene applicato correttamente, il tasso di guarigione può arrivare fino all’80%. Gli effetti collaterali non sono molti: “Un potenziale effetto collaterale è l’irritazione cutanea locale, ma, a parte questo, è relativamente indolore e vale la pena provare per alcuni mesi”.
Anche la crioterapia, ripetuto ogni due o tre settimane per un massimo di sei trattamenti, è efficace almeno quanto il trattamento giornaliero con acido salicilico ed è ben tollerato, con pochi effetti collaterali. Nel caso in cui le verruche siano molte, il dottor Scurr consiglia l’immunoterapia. Continua a leggere dopo la foto



 

Il trattamento prevede l’applicazione di una sostanza chimica su una piccola area di pelle: il prodotto stimola una risposta allergica alla sostanza chimica. Due settimane dopo si ripete il trattamento e si stimola la risposta immunitaria. Il tessuto delle verruche si distrugge e queste scompaiono in poco tempo. Tra gli effetti collaterali: arrossamento, prurito e formazione di vesciche.

Anche i farmaci citotossici sono efficaci ma gli effetti collaterali sono maggiori: in molti casi, per esempio, compare ulcerazione. Ecco perché è bene usare farmaci citotossici solo in casi estremi.

Tumore della pelle, non solo nei “strani”: il sintomo che nessuno considera

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it