I tuoi peli pubici sono “così”? Attenzione: ecco cosa sta accadendo al tuo corpo


Il corpo funziona alla perfezione e quando qualche meccanismo si “inceppa”, ce ne dà segnale. Oggi parliamo di una problematica tutta femminile. Più che di una problematica – non è il termine corretto – di una fase della vita che prima o poi tutte le donne attraversano. Si tratta della perimenopausa, cioè il periodo che precede la menopausa e dura in media tra i 4 e i 5 anni, anche se per alcune donne dura soltanto pochi mesi. Ma quali sono i segnali che indicano di essere entrate in perimenopausa o in menopausa? Lo ha spiegato al Corriere della Sera Rossella Nappi, ginecologa dell’Ambulatorio di endocrinologia ginecologica e della menopausa del Policlinico San Matteo di Pavia. Tra i primi sintomi ci sono sbalzi d’umore, insonnia, difficoltà a rilassarsi. Non tutte le donne però lamentano questo tipo di disturbo; accade di più a chi già soffriva di sindrome premestruale. Altro sintomo della menopausa vicina è la perdita di tessuto osseo. Con i livelli di estrogeni in declino si inizia a perdere tessuto osseo più velocemente di quanto non venga sostituito, aumentando il rischio di osteoporosi. Continua a leggere dopo la foto







Lividi “inspiegabili”. Nella fase di perimenopausa alcune donne lamentano lividi anche dopo piccoli urti. Perché ciò avviene? Per via dei cambiamenti ormonali la pelle è più sottile quindi più soggetta a traumi. Occhi secchi e cambiamenti nella visione (per esempio da miopi si diventa presbiti). Cambiamento dei peli del corpo. Secondo la North American Menopause Society nella perimenopausa il 15% delle donne lamenta la crescita di peli sotto il mento, sul labbro o sulle guance. Non solo: anche i capelli cambiano diventando più sottili e i peli pubici si diradano. Continua a leggere dopo la foto




E ancora: “L’improvvisa accelerazione o l’irregolarità del battito cardiaco è un sintomo comune della perimenopausa” spiega ancora la Nappi. Perdita di urina. Anche in questo caso, la responsabilità è del ridotto livello di estrogeni. Meno estrogeni vuol dire anche brufoli e pelle più secca. Non è raro assistere alla comparsa di eczemi. Il classico sintomo della menopausa sono le vampate di calore. “Le vampate possono verificarsi di giorno o di notte o in entrambi i periodi, possono essere lievi o severe, perdurare per mezz’ora o anche di più” spiega la ginecologa. Continua a leggere dopo la foto


 


Eccessiva sudorazione e cattivo odore sono altri sintomi della pre-menopausa. Ma non è tutto: i bassi livelli di estrogeni rendono il tessuto vaginale più secco e meno elastico. Tutto ciò provoca secchezza, prurito e dolore durante l’attività sessuale. Cosa fare dunque? “Ricominciare dai 50 anni con dieta, esercizio fisico, sano stile di vita e prevenzione sanitaria” ha detto la ginecologa. Poi una visita dal proprio ginecologo di fiducia vi aiuterà a fare le scelte giuste.

Vagina, è normale che succeda “questa” cosa? Come capire se “lei” va curata

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it