Infilalo in vagina per un’ora e, quando lo togli, avrai un profumo (intimo) strepitoso. Non tutte si sentiranno pronte a fare una cosa tanto estrema ma, se l’odore ‘di pesce’ ti tormenta, non ti resta che provare


 

L’odore vaginale è motivo di grande ansia per le donne. Nessuna, ovviamente, vuole avere un odore cattivo ed è normale che ogni minimo cambiamento nell’odore e nella consistenza delle secrezioni vaginali, metta in agitazione. Ma perché l’odore vaginale cambia? Di solito le ragioni sono tante: un aumento di batteri nella vagina, infezioni da lieviti, scarsa igiene, cambiamenti ormonali e malattie sessualmente trasmissibili. Se il problema è dovuto a un’infezione, il cattivo odore sarà senz’altro accompagnato da prurito, bruciore, rossore. Se l’odore è quello di pesce, ahimè, avete una vaginite batterica e fareste bene a consultare il ginecologo. Ma sapete che esistono dei rimedi naturali per rendere l’odore della vagina più gradevole fresco? Si tratta di rimedi con proprietà antibatteriche, antisettiche e alcalinizzanti. Il primo è l’aceto di mele. Fare un bagno con l’aceto di sidro di mele è uno dei modi più semplici per sbarazzarsi dei cattivi odori. Mescola due tazze di aceto di sidro di mele in una vasca da bagno piena d’acqua calda. Mettiti a bagno per circa 20 minuti. Ripeti l’operazione più volte alla settimana per risultati rapidi. Continua a leggere dopo la foto







Non solo: bevi una volta al giorno a stomaco vuoto un bicchiere d’acqua con due cucchiai di aceto. In questo modo il tuo ph raggiungerà livelli ottimali e il cattivo odore svanirà. Anche lo yogurt fa miracoli in termini di odori vaginali: lo yogurt aiuta a combattere le infezioni da candida e a ripristinare il normale livello di pH del corpo. Come usarlo per far profumare la vagina? Immergi un assorbente interno nello yogurt e mettilo nella vagina. Lascialo per un paio d’ore, e lava accuratamente la zona dopo aver rimosso l’assorbente. Poi c’è la curcuma che è un potentissimo antimicotico. Una spolverata di curcuma sull’assorbente interno immerso nello yogurt aumenta le proprietà riequilibranti. Continua a leggere dopo la foto




Altro rimedio efficacissimo è l’aglio, antibiotico naturale di grande aiuto per trattare infezioni vaginali e cattivi odori. Mangia aglio crudo o cotto quotidianamente. Ricorda che l’aglio conferisce cattivo odore solo se lo mastichi! Non riesci a digerire l’aglio? Allora usalo così: inserisci un pezzo d’aglio (sbucciato) in vagina per un’ora o due. Per un effetto più potente, dividi l’aglio a metà. Ripeti l’operazione per qualche giorno fino a che il problema non sarà sparito. Continua a leggere dopo la foto


 

Se hai paura di non riuscire a rimuoverlo fai passare un filo attraverso lo spicchio d’aglio che afferrerai al momento della rimozione. L’aglio può essere miscelato con olio di cocco – che impedisce la diffusione delle infezioni – e vitamina E per il trattamento di vaginite. Anche il bicarbonato ti viene in aiuto per combattere i cattivi odori intimi: basta aggiungere una mezza tazza di bicarbonato di sodio all’acqua del bagno. Immergiti dentro per una ventina di minuti. Asciuga per bene le zone intime con un asciugamano pulito.

Perdite abbondanti e bruciore, la tua vagina è “messa” così? Ecco cosa non va. Consulta un medico quanto prima

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it