Hai le mestruazioni marroni? Ecco perché (e quando devi andare di corsa dal medico)


Le tue mestruazioni sono marroni? Occhio, meglio andare dal ginecologo. Le mestruazioni arrivano ogni 28 giorni circa e hanno la durata massima di quasi 5 giorni. Il ciclo mestruale, però, varia da persona e persona e sono numerosi i fattori che incidono su esso. Alcune donne, per esempio, hanno cicli piuttosto brevi; donne che hanno dolori addominali atroci, donne che, quando hanno il ciclo, non riescono neanche ad alzarsi dal letto. Ci sono donne che hanno un ciclo abbondante e donne che hanno mestruazioni irregolari. Poi ci sono le donne che hanno le mestruazioni marroni.

Il ciclo marrone, in realtà, potrebbe essere del tutto normale ma meglio non trascurare la cosa perché potrebbe trattarsi di un campanello d’allarme. Tra i fattori che influenzano il ciclo ci sono per esempio le condizioni di stress che possono essere legate a situazioni famigliari o lavorative. Se lo stress supera una certa soglia, può influire negativamente sulle funzioni dell’organismo. Lo stress, in particolare, può inibire la produzione di gonadotropine e quindi impedire o ritardare l’ovulazione, con conseguente ritardo del ciclo. Continua a leggere dopo la foto








Ma torniamo alle mestruazioni marroni e vediamo di che cosa potrebbe trattarsi. Dunque le mestruazioni marroni sono normali quando si presentano a fine ciclo poiché rappresentano gli ultimi pezzi di endometrio ossidati che sono rimasti nella vagina e nell’utero. Quando vengono espulsi, presentano dunque un colorito scuro. Ma allora quand’è che le mestruazioni marroni devono metterci in allarme? Vediamolo insieme. Continua a leggere dopo la foto






Se le mestruazioni marroni si presentano a inizio ciclo o durante l’ovulazione, cioè fuori dal periodo mestruale, bisogna prestare attenzione. Una delle cause potrebbe essere l’inizio di una peri-menopausa, anche l’assunzione della pillola con estrogeni e progestinici può portare ad avere mestruazioni marroni. In particolare la pillola può provocare perdite anche al di fuori del ciclo mestruale. Le perdite marroni, però, potrebbero anche essere un campanello d’allarme di una patologia particolare. Ecco perché una visita dal ginecologo è d’obbligo. Continua a leggere dopo la foto



 

Le perdite marroni potrebbero essere provocate da un fibroma, da disfunzioni tiroidee, vaginosi batterica, cisti uterina, endometriosi, verruche genitali, infiammazione pelvica o clamidia. Ecco perché è bene prenotare una visita dal ginecologo. Ma le perdite marroni possono rappresentare anche altro, per esempio una gravidanza. Quando l’ovulo e l’endometrio si incontrano potrebbero causare la rottura di qualche vaso sanguigno: si tratta delle cosiddette perdite da impianto. Se le perdite persistono, bisogna rivolgersi al medico o andare al pronto soccorso per una visita di controllo.

Tumore, i 12 campanelli d’allarme che riguardano le donne. Parlano gli specialisti

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it