‘Puzzi’ anche se ti lavi di continuo? Ecco perché hai quell’odore (che tutti notano)


Non fai che lavarti i denti eppure il tuo alito è pesantissimo e ti vergogni di parlare con gli altri? Le tue ascelle hanno sempre un odore acre anche se curi tantissimo la tua igiene quotidiana? Le ipotesi sono varie: potresti avere qualche scombussolamento ormonale, oppure potresti aver mangiato qualcosa che ti ha conferito un odore particolarmente sgradevole. Che l’odore del corpo di ognuno sia unico e irripetibile, di certo lo sapete già. Forse però non sapete cosa lo influenza. Beh sappiate che l’odore di ogni persona è il riflesso di quello che consuma e fa parte di un ancestrale sistema di comunicazione con i nostri simili. L’alimentazione, per esempio, è strettamente collegata all’odore che emana il nostro corpo. Addirittura possiamo dire che, sull’odore del corpo di una persona, incide più l’alimentazione che non l’igiene. Quindi, se ultimamente senti che il tuo corpo trasuda “puzza”, allora forse stai assumendo troppi cibi nocivi. Non che tutti questi alimenti siano nocivi in generale, per carità, ma se assunti in quantità esagerata, allora sì. Almeno per quel che riguarda l’odore. Continua a leggere dopo la foto








Ma quali sono gli alimenti che favoriscono il cattivo odore corporeo? L’aglio, senza dubbio. Ma esso non è il solo.
1) Alcol. Secondo il National Institut of Health, quando qualche bicchiere di troppo viene assorbito nel corpo, l’alcol viene metabolizzato in acetato o acido acetico. Poi, nel momento in cui il sudore acido viene a sua volta metabolizzato dai batteri della pelle, può lasciare uno sgradevole odore.
2) Carne rossa. Si tratta di un alimento che può impiegare molto tempo per percorrere il tratto digerente, per cui i suoi resti marciscono e liberano gas e tossine. Questi si trasformano in sudore e flatulenza, generando il cattivo odore. Secondo uno studio pubblicato sulla rivista Chemical Senses, inoltre, mangiare carne potrebbe influire sul sudore, forse a causa degli acidi grassi. Continua a leggere dopo le foto








 


3) Cibi speziati. Ma anche cibi a base di aglio e cipolle possono dare il cosiddetto “sudore dell’aglio”. Perché? Per via dell’elevata concentrazione di elementi volatili. Fare attenzione al consumo eccessivo.
4) Verdure crucifere. Cioè Broccoli, cavoli e compagnia. Queste verdure contengono zolfo che entrando in contatto con i batteri della pelle la fa puzzare. Non solo: chi soffre di trimetilaminuria, può anche riscontrare, dopo aver mangiato queste verdure, un forte odore di pesce sul corpo. Come mai? Il corpo di chi ha questa condizione genetica non riesce a sbarazzarsi del composto maleodorante che si trova in queste verdure.
5) I legumi, soprattutto i fagioli, ma anche i cereali integrali, quando vengono digeriti, producono metano, idrogeno e diossido di carbonio, ovvero cibo per i batteri e causa del cattivo odore corporeo.

Addio odore ‘di pesce’: come avere la vagina profumata (e fresca) tutto il giorno

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it