4 anni, muore tra le braccia dei genitori: “È diventata pallida e ha smesso di respirare”


Muore tra le braccia di mamma e papà per un infarto: aveva solo 4 anni. Fino a quel momento Chloe Hardy, bimba di South Cave, nello Yorkshire, Regno Unito, non aveva mai avuto problemi di salute. Solo un po’ di sintomi influenzali e raffreddore nei giorni precedenti alla tragedia, per i quali la mamma le stava somministrando delle medicine. Al momento del dramma era a casa. Stava giocando con il fratello maggiore, 7 anni, e la gemella Charlotte. Improvvisamente, hanno raccontato i genitori, è diventata pallida e ha iniziato a soffocare. Faceva di tutto per respirare ma non ci riusciva.

L’allarme ai soccorsi è stato immediato: in meno di un minuto dalla loro chiamata sono arrivati i soccorritori, che hanno tentato in tutti i modi di rianimarla perché il suo cuore si era inspiegabilmente fermato. Poi la corsa disperata in ambulanza all’Hull Royal Infirmary, ma si è rivelata inutile. Lì i medici non hanno potuto far altro che dichiarare il decesso della piccola Chloe. (Continua dopo la foto)








È successo tutto lo scorso 14 marzo e il caso è già stato sottoposto al medico legale che effettuerà tutti gli esami per chiarire le cause di quanto accaduto a questa bimba inglese. “Siamo tutti sotto choc – ha detto alla stampa locale il papà Adam, 42 anni – È successo tutto così repentinamente. Ci mancherà tantissimo la sua gioia, era sempre sorridente. Non riusciamo davvero a capire come sia potuta succedere una cosa del genere”. (Continua dopo la foto)






Chloe, hanno continuato i genitori, era nata con un leggero ritardo cognitivo che non le aveva permesso di cominciare a camminare e a parlare insieme alla sua gemella Charlotte, ma quel distacco era stato già recuperato: “Nell’ultimo anno – ha ricordato ancora il papà – era cambiata molto, aveva fatto dei passi da gigante. Riempiva le nostre giornate ed ora è difficile abituarsi al silenzio che regna in questa casa. Vorremmo tanto che quel caos che c’era prima tornasse”. (Continua dopo la foto)



 


Come detto, la tragedia che ha devastato la famiglia Hardy è avvenuta il 14 marzo scorso. “È passata solo una settimana da quando è morta e ancora non riusciamo ad accettare questa idea assurda – ha continuato Adam – La cosa difficile sarà spiegare ora alla sorellina perché Chloe non c’è più. Non credo che Charlotte abbia realizzato il fatto che la sua migliore amica se ne è andata. Anche se siamo devastati, ora dobbiamo prenderci cura di lei e di suo fratello”.

9 anni e un tumore rarissimo, bimba salvata da una terapia sperimentale

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it