Da una banale tonsillite alla ‘Sindrome dell’esorcista’: ”Si mangiava le braccia”


Si ammala di tonsillite e quando guarisce il medico gli diagnostica la ”Sindrome dell’esorcista”. È accaduto in Inghilterra, quando i genitori di Jack, 3 anni, contrae l’infiammazione alle tonsille e inizia ad avere un comportamento molto strano. Il piccolo ha come degli attacchi incontrollabili di aggressione, tic e problemi al corpo, come la caduta delle unghie o strane ustioni alla pelle.

La mamma Lucie, un’assistente in un ospedale, e il papà Neil, un manager, non riuscivano a capere il motivo di questo comportamento e hanno pensato che il piccolo fosse autistico. Così lo hanno fatto visitare dal pediatra, che ha consigliato loro di all’ospedale. Qui Jack è stato sottoposto a numerosi esami e alla fine i medici hanno detto potevano essere dei sintomi della sindrome di Tourette. (Continua a leggere dopo la foto)








La sindrome di Tourette (o sindrome di Gilles de la Tourette) è un disturbo neurologico che esordisce nell’infanzia scomparendo spesso durante l’adolescenza, caratterizzata dalla presenza di tic motori e fonatori incostanti, il disturbo da deficit di attenzione/iperattività (ADHD) e il disturbo ossessivo-compulsivo (DOC), talvolta fugaci e altre volte cronici, la cui gravità può variare da estremamente lievi a invalidanti. (Continua a leggere dopo la foto)






Ma la verità era un’altra e Nail e Lucie l’hanno scoperta guardando un programma in televisione che parlava della sindrome di Pandas, nota anche con il nome di ‘Sindrome da esorcista’, la Pediatric Autoimmune Neuropsychiatric Disorder associated with A Streptococci (in italiano: disordine neuropsichiatrico autoimmune pediatrico associato con lo streptococco beta-emolitico del gruppo A). La sindrome era stata innescata” da una infezione dallo streptococco beta-emolitico A che aveva colpito le tonsille del bambino e il cervello. La diagnosi è arrivata dopo che i genitori hanno portato Jack da uno specialista. Il piccolo è stato sottoposto a una lunghissima cira di antibiotici e sottoposto alla rimozione delle tonsille e delle adenoidi. Adesso Jack sta bene ed è tornato il bambino felice di sempre. (Continua a leggere dopo la foto)



 

“È stato terribile. – ha raccontato la mamma al The Sun – Un momento Jack era il nostro meraviglioso figlio e l’attimo dopo era diventato un bambino completamente diverso. È passato dall’essere il nostro piccolino perfetto e divertente a qualcuno che riuscivo a malapena a riconoscere. Era sempre pallido e spaventato, – ha concluso Lucie – sembrava costantemente preoccupato e il solo toccarlo gli provocava dolore. Aveva scoppi d’ira incontrollabili, si mordeva le braccia. Era come se fosse posseduto“.

Cammina scalza e i suoi piedi diventano così: cosa le è successo (terribile)

 

 

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it