Un trattamento per sbiancare i denti, finisce ‘sfigurata’. Ecco come si ritrova dopo


Si chiama Clare Clark, ha 42 anni e aveva trovato un vero affare: uno sbiancamento di denti a buon mercato. Avrebbe speso solamente 60 sterline per ritrovare il sorriso lucido e brillante che aveva un tempo. Era felice: le sembrava un affarone, per di più avrebbe potuto fare il trattamento a casa perché il trattamento era a domicilio. Solo che in un mondo in cui nessuno ti regala niente, quello che sembra un affare, il più delle volte non lo è. La donna, che lavora all’università di Bristol, aveva trovato l’offerta su Facebook per un trattamento che in precedenza aveva pagato più del doppio. Non ci ha pensato due volte e ha subito acquistato il prodotto. Ma, il giorno dopo averlo fatto, si era svegliata con una sorpresa orrenda.
La donna aveva le labbra tutte gonfie e piene di vesciche. E faceva fatica a mangiare e a parlare. Come la donna ha raccontato al Daily Mail, durante il trattamento nel febbraio 2019, una delle strisce col gel non aderiva correttamente ai denti. Continua a leggere dopo la foto








Si tratta di un gel che può causare reazioni allergiche se si è sensibili alle sostanze chimiche utilizzate. Il ministero della sanità ha sempre messo in guardia i cittadini sulla pericolosità dell’uso di certi prodotti che potrebbero causare complicazioni. “Quando mi sono svegliata ho capito subito che c’era qualcosa che non andava – ha raccontato la donna – poi mi sono guardata allo specchio e mi sono spaventata. Sembravo appena uscita dal chirurgo ma da uno di quelli che non sa fare il suo mestiere”. Clare è costretta ad andare in ospedale dove le somministrano dei farmaci che pian piano fanno sparire quella reazione. Continua a leggere dopo la foto






La cosa è imbarazzante: “Non volevo che nessuno mi vedesse ma ero obbligata ad andare a lavoro”. La signora Clark si era già sottoposta a trattamenti di sbiancamento dentale: nel 2006 lo aveva fatto dal dentista. Poi qualche anno dopo, sempre da un esperto. “Funzionano tutti più o meno allo stesso modo: metti il gel sui denti, attendi mentre una luce passa sul gel e i denti diventano bianchi”. Quel giorno, però, si rende conto che qualcosa è diverso: il gel non aderiva bene ai denti e vedevo che l’addetta spostava continuamente la striscia. “Subito dopo il trattamento le labbra sembravano gonfie ma ho pensato che fosse perché avevo tenuto la bocca aperta per diverso tempo”. Continua a leggere dopo la foto



 

Il giorno dopo, al risveglio, lo choc: “Sembrava che fossi stata picchiata in faccia, mi vergognavo tantissimo e non volevo che nessuno mi vedesse. Ho contattato la persona che mi aveva fatto il trattamento e mi ha risposto che sembrava che avessi avuto una reazione allergica. Credo che il labbro sia entrato in contatto con il gel e si sia scatenata la reazione”. Morale? Se volete avere dei denti bianchi, sappiate che i kit di sbiancamento utilizzati a casa possono danneggiare lo smalto dei denti e causare vesciche. E quindi? Rivolgetevi a un esperto.

Palpebre cadenti: come sbarazzarsene in poche ore in modo naturale

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it