Dieta della dopamina, come dimagrire (tanto) ed essere felici. Come funziona


Si chiama dieta della dopamina edd è una novità assoluta. Ideata dallo chef britannico Tom Kerridge e illustrata nel libro La miracolosa dieta della dopamina, ultimamente è sulla bocca di tutti. Ma che ha di speciale questa dieta? Semplice, fa dimagrire ma rende anche felici. Il che la rende meravigliosa. Ma come fa una dieta a rendere felici? Perché si basa sul consumo di cibi che promettono di innalzare i livelli della dopamina, cioè l’ormone della felicità. Quindi se siete abituati a diete grigie che mettono la depressione, questa dieta vi cambierà la vita.

Lo chef stellato è stato il primo a testarla, riuscendo a perdere 76 chili in tre anni. Intanto capiamo cosa è la dopamina. Si tratta di un neurotrasmettitore prodotto dal cervello i cui livelli sono strettamente legati alla sfera del piacere. Ma entriamo nel merito e capiamo come funziona. Come dicevamo sopra, si basa su uno schema alimentare che integra cibi stimolatori di dopamina. Risultato: la dieta non è deprimente neanche un po’, anzi si sta a dieta col sorriso. E ci si sente felici e meno stressate. Continua a leggere dopo la foto







I cibi su cui si basa la dieta sono ipocalorici ma molto appetitosi. Vediamoli: latticini (formaggi, fiocchi di latte, yogurt e anche panna da cucina, in piccole quantità); pesci grassi come il salmone e le sardine; carni magre come pollo, manzo e tacchino e poi uova. Anche le verdure vanno consumate a volontà eccetto quelle che non sono di stagione. La frutta fresca sempre, specie mele, banane, uva nera. Via libera alla frutta secca che è piena di grassi buoni e sì al peperoncino che stimola il rilascio di endorfine nel cervello. Lo chef consiglia di bere tè verde, consumare olio di oliva o di sesamo, alga spirulina e lavanda che contribuiscono alla produzione di dopamina e facilitano il processo di dimagrimento. Continua a leggere dopo la foto




I pasti da fare al giorno sono 5, in questo modo il metabolismo resta attivo. Ci sono anche dei divieti: no assoluto all’alcol, al caffè, a zuccheri e carboidrati. Il sale meglio usarlo il meno possibile, meglio optare per sale iposodico o gomasio. Tra i carboidrati vanno bene solo i cereali integrali. Vediamo un esempio di menù. L’alimento più importante della dieta della dopamina è il pesce, che va consumato il più possibile. Le uova vanno bene in qualunque momento della giornata, anche a colazione, come i latticini. Continua a leggere dopo la foto


 


Come contorno, le verdure consigliate sono quelle a foglia scura come gli spinaci, la verza e i cavoletti di Bruxelles. I più golosi saranno felici di sapere che la dieta della dopamina prevede anche un moderato consumo di cioccolato fondente che, si sa, è amico del buonumore. Tra l’altro favorisce il dimagrimento, pensate un po’. Ci sono controindicazioni? Essendo una dieta iperproteica, meglio chiedere un parere del proprio medico.

“La dieta della pancia”. Dire addio per sempre ai rotolini (parola di esperta)

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it