Gonfiore vaginale, ecco da cosa dipende. Sintomi e cure


 

Avere un’irritazione intima è una cosa molto frequente per le donne. Il fatto che sia frequente non la rende, però, meno fastidiosa. Le donne che hanno irritazioni intime, oltre a sentirsi a disagio e “non a posto”, a volte, possono faticare a portare a termine le azioni quotidiane più semplici. Non solo: le irritazioni vaginali sono spesso accompagnate da disturbi molto fastidiosi quali le labbra vaginali gonfie, per dirne una. Cosa comporta? Ad esempio una grande difficoltà a portare i jeans senza “soffrire”. Se sono le piccole labbra a essere gonfie, il dolore è enorme. In questo, il più delle volte, il problema è riconducibile a infiammazioni o infezioni che necessitano l’intervento medico. A volte a creare problemi di questo tipo sono alcuni prodotti per l’igiene intima – quali saponi aggressivi o lavande vaginali – che possono provocare reazioni allergiche che si manifestano con rossore e prurito. Ma vediamo nel dettaglio quali possono essere le cause di questi fastidi intimi. Continua a leggere dopo la foto








La vaginite è un’infiammazione della vagina, comunemente causata dalla Candida. La candida è naturalmente presente anche negli uomini e causa la cosiddetta balanite da candida. Si tratta di un’infezione fungina che colpisce il pene, specie dopo un rapporto sessuale non protetto e quindi più a rischio di contagio. Quali sono i sintomi della vaginite? Perdite bianche tipo ricotta, cattivo odore intimo. Come si cura? Con un farmaco locale a base di clotrimazolo. Continua a leggere dopo la foto






La vaginite, in certi casi, può essere causata dal Trichomonas vaginalis. I sintomi in questo caso variano leggermente: oltre al gonfiore e al rossore, si ha un prurito intimo insopportabile. Le complicazioni sono facili da immaginare: dolori durante il sesso, difficoltà a urinare. A volte c’è anche sanguinamento improvviso. Se si vede una vagina arrossata è bene rivolgersi a uno specialista. Sarà il medico che stabilirà la causa del gonfiore/rossore intimo e suggerirà la cura più adatta. A volte è richiesto un tampone vaginale. Continua a leggere dopo la foto



 

In genere la prima causa di vulva gonfia è un’alterazione della mucosa vaginale, dovuta sia a una diminuzione degli estrogeni o all’assunzione di pillola. A volte, però, anche una scarsa igiene intima o una dieta povera di vitamine e minerali può creare problemi di questo tipo. In questi casi, di solito, dall’interno della vagina il fastidio si sposta all’esterno. In attesa della diagnosi del medico, è bene prendere alcune misure: indossare biancheria di cotone e usare detergenti neutri.

Infilalo in vagina per un’ora e, quando lo togli, avrai un profumo (intimo) strepitoso. Non tutte si sentiranno pronte a fare una cosa tanto estrema ma, se l’odore ‘di pesce’ ti tormenta, non ti resta che provare

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it