Il prurito vaginale ti rende nervosa? C’è una cosa importante da fare (ora)


Soffri spesso di prurito? Possiamo comprendere il tuo fastidio, la frustrazione e il disagio che questa problematica frequente comporta. Però siamo qui per aiutarti a risolvere il problema e suggerirti alcuni metodi per alleviare il prurito. Intanto capiamo da cosa è provocato il prurito intimo. Il prurito vaginale può essere causato da infezioni o infezioni a trasmissione sessuale, che diventano molto stressanti e preoccupanti.
Una delle cause più frequenti del prurito intimo è la candida, un’infezione vaginale che può provocare un prurito interno ed esterno molto intenso e forti bruciori. Oltre al prurito irrefrenabile, la candida è accompagnata da perdite bianche, dalla consistenza simile alla ricotta. Tra le infezioni che possono provocare prurito vaginale, c’è anche la vaginosi batterica. Essa si manifesta con perdite bianco-grigiastre caratterizzate da cattivo odore. Come nel caso della candida, anche per la vaginosi batterica è necessario rivolgersi a una ginecologa. Continua a leggere dopo la foto








La tricomoniasi è una delle malattie sessualmente trasmissibili più frequenti nelle giovani donne che si manifesta con prurito, perdite di colore verde o giallastro, in genere maleodoranti. Sarà la ginecologa a fare la diagnosi e a suggerire la cura più adatta. Anche la psoriasi dell’area genitale può manifestarsi con prurito e bruciore. Anche in questo caso rivolgersi a uno specialista è necessario. Continua a leggere dopo la foto






Ma come alleviare, almeno temporaneamente, questo sgradevole problema? Mescola un cucchiaio di aceto di mele con acqua tiepida e utilizza la soluzione per lavarti. L’aceto ha proprietà antibatteriche e antifungine, è utile per alleviare il prurito soprattutto se è causato da un’infezione fungina. Se il prurito è provocato da una irritazione, può essere sufficiente lavare la parte per qualche giorno con una soluzione di acqua e bicarbonato. Anche gli impacchi di camomilla alleviano il prurito. La camomilla è nota per le sue proprietà lenitive e riesce a diminuire il rossore portando immediati effetti benefici. Lo yogurt, allo stesso modo, può aiutarti ad alleviare il prurito nella zona vaginale. Devi applicarlo localmente con le mani o con un batuffolo di cotone. Cosa non devi fare se soffri di prurito intimo. Innanzitutto, se compri delle mutandine, non indossarle mai senza averle lavate. Continua a leggere dopo la foto



 

Evita l’uso di detergenti intimi almeno finché il prurito vaginale non scompare definitivamente. A volte anche i detergenti intimi specifici possono essere aggressivi e peggiorare la condizione di prurito. Anche i pantaloni stretti non fanno molto bene. Detto ciò, per qualunque problema intimo, la cosa più giusta è senza dubbio contattate la propria ginecologa che darà i giusti suggerimenti.

Parliamo di prurito anale senza imbarazzo. Se ne soffri il motivo potrebbe essere serio

 

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it