Mettere le dita nel naso può ucciderti. La ricerca choc


Mettersi le dita nel naso può ucciderti. Cosa? Sì, è così. E pensare che hai sempre considerato quel gesto come una cosa innocua. Certo, una cosa da non fare in pubblico ma se nessuno guarda sì. Ma cosa succede a mettersi le dita nel naso? Perché è tanto pericoloso? Mettersi le dita nel naso aumenta la diffusione di batteri pericolosi che possono, tra le altre cose, provocare la polmonite. È quanto si legge in una nuova ricerca riportata dal Sun e pubblicata su “European Respiratory Journal”.

Il fatto è che mettersi le dita nel naso comporta una trasmissione di batteri dalle mani al naso. Ecco perché gli esperti che sono arrivati a questa conclusione si sono raccomandati ai genitori: hanno detto loro che è importantissimo tenere i giochi dei bambini puliti. In questo modo i bimbi vengono protetti e i batteri non si diffondono. Ma la faccenda non riguarda solo i bambini: anche i grandi devono fare attenzione, specie quelli che hanno un sistema immunitario debole. Continua a leggere dopo la foto








“L’infezione da pneumococco è una delle principali cause di morte nel mondo – ha detto la dottoressa Victoria Connor della Liverpool School of Tropical Medicine che ha condotto la ricerca – basti pensare che provoca ogni anno la morte di più di un milione di bambini sotto i cinque anni. Anche le persone anziane o quelle che hanno un sistema immunitario debole hanno un rischio maggiore di contrarre un’infezione di questo tipo”. Il fatto, però, è che non è ben chiaro ancora come si diffonda questa infezione. Continua a leggere dopo la foto






E invece sarebbe fondamentale capire come si diffonde: servirebbe a frenare la diffusione. La ricerca in questione mette in evidenza come i batteri possano essere trasferiti dalle mani al naso quando le persone si mettono appunto le dita nel naso ma anche se solo si puliscono il naso usando il dorso della mano. “Non è realistico impedire ai bimbi di mettersi le dita nel naso – ha aggiunto la Connor – ed è anche vero che a volte alcuni batteri contribuiscono a rinforzare il sistema immunitario. Quindi è difficile capire quale possa essere la soluzione”. Continua a leggere dopo la foto



 


La cosa fondamentale, di certo, è mantenere un buon livello di igiene: lavarsi le mani sempre, mantenere puliti i giochi o le superfici di gioco dei bimbi in modo da evitare che i batteri, passati dalla mani al naso, possano provocare la polmonite. “Questo studio pilota è il primo che conferma che i batteri dello pneumococco si diffondono anche col contatto diretto e non solo per via aerea come si è sempre pensato finora”.

Accelerare il metabolismo e perdere peso premendo su questi punti del corpo

 

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it